Ricerca

Teenage City

sabato 27 maggio

Che relazione c’è tra spazi urbani e adolescenti? Come può la città influire sullo sviluppo dei ragazzi? Il dibattito si dedica alle esplorazioni urbane, al racconto e all’architettura per gli young adult dell’era digitale, il target cui quest’anno il Festival dedica un’attenzione particolare.

Docks Dora Tour

28 maggio 2017
Ore 12.00-23.00

Architettura Senza Frontiere promuove visite guidate ai Docks Dora. Il complesso è una delle strutture più interessanti del panorama post industriale torinese. Ci occuperemo di trasportare i visitatori in un viaggio culturale attraverso luoghi e spazi della storia di Torino operaia.

Docks Dora Tour

sabato 27 maggio
12.00-23.00

Architettura Senza Frontiere promuove visite guidate ai Docks Dora. Il complesso è una delle strutture più interessanti del panorama post industriale torinese: il viaggio culturale si propone di trasportare i visitatori attraverso luoghi e spazi della storia di Torino operaia, all’interno dell’area industriale nord di Torino e il quartiere di Barriera di Milano.

Architettura Parassita come strategia di densificazione del tessuto urbano

sabato 27 maggio

Una tavola rotonda sull’architettura parassita: docenti universitari e tecnici del settore dell’urbanistica di Torino sono invitati a ragionare sui nuovi modelli dell’abitare nelle smart city e sulla fattibilità di una strategia di microdensificazione, che aumenti la disponibilità di spazi, housing e servizi in grado di adattarsi alle esigenze che cambiano.

Urban Interiors. Un’altra forma dello spazio pubblico

sabato 27 maggio

Gli Urban Interiors sono spazi poco esposti e riparati, l’opposto dello spazio pubblico moderno: luminoso, trasparente e fluido. Non sono definibili dalle connotazioni morfologiche ma dagli usi, dalle relazioni, dai corpi che li abitano. L’incontro vuole essere un’occasione per discutere i modi in cui si riconfigura lo stare in pubblico nella città contemporanea.

Serendipity

venerdì 26 maggio

Creative Mornings è una serie di micro conferenze a colazione pensate per la comunità creativa, per rivelare le eccellenze presenti sul territorio e creare delle occasioni di incontro per persone che hanno consumi culturali e professionali simili. L’idea, nata nel 2008 a New York, è della designer svizzera Tina Roth-Eisemberg e ad oggi, nel mondo, coinvolge 150 città.

La città come casa

sabato 27 maggio

Se la città di oggi mostra una preoccupante accelerazione dei processi di privatizzazione dello spazio urbano, essa è anche teatro di diverse forme di riappropriazione di edifici, strade e piazze. Ne discutono la critica della città Cristina Bianchetti e gli architetti Matilde Cassani e Stefano Ragazzo di Orizzontale.

Dopo il casermone

venerdì 26 maggio

Con la demolizione delle Vele di Scampia, anche in Italia crolla il mito dei complessi residenziali ad alta densità. Che fare ora di questi quartieri e megastrutture? E come pensare all’housing oggi, dopo il tramonto dell’epoca dei casermoni? Ne discutono la storica dell’architettura Gaia Caramellino, Lorenzo Romito di Stalker e il duo di artisti napoletani cyop&kaf.

Che cos’è la città?

giovedì 25 maggio

Una lezione introduttiva alla città e al rapporto tra design e contesto urbano da formulare per mezzo di un linguaggio adatto a un pubblico di studenti delle scuole medie e superiori. Riccardo Blumer, docente, architetto e designer, accoglie la sfida e offre il suo particolare punto di vista sul tema.